Marco Bagagiolo

marco_bagagiolo
Mi sono avvicinato prestissimo al mondo della fotografia, grazie all’incontro con la mia prima Nikkormat.
Da quel momento ho impressionato fiumi di pellicole catturando istanti, percezioni di paesaggi e gente comune immortalata nella luce del momento, spesso prediligendo il bianco e nero, per l’incredibile forza espressiva.

Sono nato a Catania dall’incontro di due anime geograficamente lontane, una proveniente dal profondo sud e l’altra dal nord est d’Italia. Le loro diverse sensibilità si ritrovano nel mio approccio alla vita, un po’ istintivo e un po’ razionale, il tutto condito da tanta curiosità.

Mi sono sposato qualche anno fa con una Napoletana DOC e sono un felice papà di due piccoli “scugnizzi” tutto pepe. I miei hobby, a parte rincorrere i miei figli, sono la musica, tutta la musica, da quella classica al rock e la lettura di un buon libro. Sia la musica che la lettura sono un esercizio di concentrazione che mi aiutano a riflettere e contemporaneamente a rilassarmi. Lo sport che prediligo è correre con la mia bicicletta, cercando di districarmi velocemente tra i mille impegni familiari e professionali.

Alcuni anni in giro per l’Italia per studio e lavoro, e vari viaggi all’estero con i mezzi più disparati, dall’autostop nella brughiera irlandese agli ‘shinkansen’ giapponesi, mi hanno dato la possibilità di sviluppare e sperimentare una visione personale di tecnica e gusto dell’immagine.

Tornato a Catania, ho incontrato Marco Ficili, con il quale collaboro stabilmente. Grazie al suo continuo sostegno, ho approfondito la mia competenza tecnica e creativa e, grazie alle nuove potenzialità offerte dal digitale, ho potuto esprimere sensazioni ed emozioni differenti, più focalizzate a cogliere i caleidoscopici aspetti della vita, dal quotidiano al grande evento.

I nuovi stimoli nati dalla mia collaborazione con lo staff di Marco Ficili mi hanno messo a confronto con il fotogiornalismo applicato alla fotografia matrimoniale, uno stile entusiasmante e incredibilmente moderno che ho subito fatto mio.

Viva la vita!